Trova il chirurgo più vicino a te adatto alle tue esigenze e contattalo gratuitamente.

Capezzoli introflessi come intervenire

L'insufficiente protrusione del capezzolo, comunemente nota come , è un'anomalia frequente che è tipicamente presente alla nascita. Tuttavia, può anche insorgere a causa di infezioni al , traumi o altre malattie legate al seno. La gravità del difetto può variare.

I introflessi possono porre problemi sia estetici che funzionali. L'incapacità di allattare al seno e il materiale stagnante spesso portano a infiammazioni ricorrenti, esacerbando il problema oltre il semplice aspetto. Per questi e altri motivi probabilmente vuoi capire come sia possibili intervenire e correggere il difetto. In questo articolo di parleremo proprio di questo, ti illustreremo in cosa consiste l'intervento chirurgico per la correzione dei capezzoli, oltre a spiegarti le cause del disturbo e i problemi associati.

Come capire se hai i capezzoli introflessi?

Una domanda comune che ci viene posta è proprio “come capire se ho i capezzoli introflessi?”. Innanzitutto, sapevi che esistono varie tipologie di capezzoli? L'unicità delle donne è evidente in ogni aspetto, del resto, comprese le dimensioni e la forma del seno, così come l'aspetto e il contorno delle areole e dei capezzoli.

Occasionalmente, i capezzoli di una donna possono differire nell'aspetto tra i seni. Identificare i capezzoli piatti o introflessi non è sempre semplice come un'ispezione visiva.  Bisogna stringere delicatamente l'areola, a circa due centimetri di distanza dal capezzolo, per determinare se sporge o si ritrae. Se il capezzolo non sporge, viene classificato come piatto. Se appare concavo o incassato, è considerato invertito. 

Inoltre, i capezzoli piatti o introflessi rimangono invariati anche in risposta alle basse temperature. Al contrario, i capezzoli che reagiscono al freddo o alla pressione non sono invertiti o piatti e non richiedono alcun intervento medico.

Cause dei capezzoli introflessi

I capezzoli introflessi possono derivare da una varietà di cause che vanno dalla chirurgia e dalle condizioni infiammatorie, alle malformazioni congenite. È interessante notare che fino al 20% di tutte le donne nasce con questa predisposizione. 

Inoltre, possono anche essere il risultato di incidenti traumatici o essere causati da patologie come:

  • Malattia di Paget del capezzolo;
  • Mastite;
  • Il cancro al seno: malattia che colpisce le cellule del tessuto mammario, che può portare alla formazione di noduli o tumori;
  • Espansione del dotto lattifero, comunemente indicata come ectasia duttale;
  • Sindrome di Turner.

Quando dovresti preoccuparti?

L'introflessione dei capezzoli è un'anomalia che in genere non è preoccupante e può essere invertita. 

Tuttavia, se sospetti di avere questo disturbo, ti consigliamo di rivolgerti a un medico per escludere la possibilità di gravi condizioni patologiche che possono essere associate all'introflessione, comprese infiammazioni e neoplasie. Questo è particolarmente importante se l'introflessione è un nuovo sviluppo accompagnato da altri sintomi come una perdita di secrezioni, dolore o un cambiamento nella posizione del capezzolo.

Diagnosi

Per valutare clinicamente l'introflessione del capezzolo, il seno deve essere sottoposto a un esame. Far questo è fondamentale per determinare se il processo di retrazione è dovuto alla fibrosi periduttale o ad altri fattori sottostanti.

Al fine di stabilire la causa principale dell'introflessione, un medico può prescrivere una mammografia e un'ecografia per acquisire immagini del capezzolo e del seno. Inoltre, potrebbe essere necessaria una risonanza magnetica. Se si sospetta una crescita maligna, verrà condotta una biopsia con ago per estrarre un campione di tessuto dall'areola o dal capezzolo.

Come intervenire in caso di capezzoli introflessi?

Quando si tratta di introflessione estranea a qualsiasi problema medico, di solito non è necessario alcun trattamento. Tuttavia, se l'aspetto dei capezzoli provoca un qualsiasi grado di disagio, sono disponibili vari metodi che vanno da non invasivi a interventi più invasivi.

Per alleviare il dolore, le manipolazioni manuali della tecnica Hoffman e i dispositivi correttivi temporanei sono opzioni pratiche.  Tuttavia, la chirurgia è una soluzione più duratura e potenzialmente permanente. Prima di tentare qualsiasi trattamento, è essenziale consultare un medico professionale ed escludere qualsiasi condizione sottostante che richieda attenzione.  Il tuo medico ti consiglierà la linea d'azione più adatta in base alle tue circostanze uniche. L'ectasia del dotto mammario, ad esempio, può spesso risolversi da sola o con l'aiuto di rimedi casalinghi come impacchi caldi. Tuttavia, in alcuni casi, può essere necessaria la rimozione chirurgica del dotto per alleviare la condizione.

Uso di dispositivi per la correzione

I casi meno gravi di capezzoli introflessi possono essere corretti utilizzando dispositivi a ventosa che esercitano una pressione negativa per estrarre il capezzolo. Per ottenere i risultati desiderati è necessaria l'applicazione di questi dispositivi per un minimo di sei-otto ore al giorno per un periodo di almeno tre mesi.

Intervento chirurgico

Una possibile soluzione prevede un intervento chirurgico. La procedura prevede la creazione di un piccolo taglio vicino al capezzolo e la rimozione di eventuali escrescenze fibrose e dotti galattofori troppo corti. Il capezzolo viene quindi ricucito insieme all'interno e all'esterno per garantire che sia posizionato correttamente e privo di ostruzioni. Si tratta di un intervento di correttiva.